........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 
YouTube player

Cessioni e prestiti: come hanno aiutato il mercato. E se Paquetà lasciasse Lione… #adessonews

Maldini e Massara sono stati tra i più attivi sul fronte uscite, utili per alleggerire le casse della società. E per dare maggiore slancio alla campagna acquisti e ai rinnovi contrattuali da definire

Mattia Giangaspero @MGiangaspero

17 agosto – Milano

Il grande colpo è arrivato, è sbarcato a Milano, si è visto in allenamento e in campo con i nuovi compagni di squadra: subito assist, prime accelerate, poi la tripletta nella partitella contro la Pergolettese e infine l’esordio a San Siro, contro l’Udinese, arrivato al 71′. Charles De Ketelaere ha usato i venti minuti di passerella finale per raccontare chi è e che cosa può fare. Il tormentone dell’estate rossonera si è dunque concluso nel migliore dei modi, ma il mercato non è concluso: manca ancora l’innesto a centrocampo e c’è anche il capitolo difesa (si pensa a Tanganga o a Diallo, con N’Dicka sullo sfondo).

Inizia a muoversi qualcosa sul fronte dei rinnovi. Tomori può fare da apripista: il difensore inglese ha rinnovato il suo contratto, che sarebbe scaduto nel 2025, fino al 2027 con un aumento sull’ingaggio. Ancora nessuna fumata bianca, invece, per Leao, senza dimenticare anche i contratti sul tavolo di Bennacer e Tonali che richiedono un adeguamento e un prolungamento. Ma cosa rende possibili le mosse rossonere sul mercato, visto il budget limitato a disposizione, consumato quasi tutto per arrivare a CDK? L’attenzione ai conti, con un occhio puntato sui risparmi derivanti dalle uscite.

TRA RINNOVI, ACQUISTI E CESSIONI

—  

>

Il Milan è costantemente a lavoro per le cessioni di alcuni giocatori diventati esuberi in squadra, oppure non più principali nelle trame di gioco di mister Pioli. Per alcuni giovani, invece, Maldini e Massara hanno studiato un piano crescita molto accurato: monitorare i propri gioielli della Primavera (ora un po’ cresciuti) facendoli giocare in prestito tra squadre di Serie A e di Serie B. Sempre nell’ottica della sostenibilità dei conti: evitare spese folli e puntare sull’auto-finanziamento per acquisti funzionali al gioco della squadra.

LE USCITE UFFICIALI

—  

Non tenendo conto dei risparmi dai mancati rinnovi di Romagnoli (5,5 milioni di ingaggio nell’ultima stagione) e di Kessie (2,2 milioni di ingaggio), oltre al rinnovo a ribasso di Ibrahimovic (da 7 milioni percepiti a 1 milione più bonus), il Milan, comunque, grazie alle cessioni ufficializzate di Maldini (circa 300 mila euro l’ingaggio), Caldara (circa 2,2 milioni di euro l’ingaggio), Castillejo (circa 1,5 milioni l’ingaggio), Colombo (circa 300mila euro l’ingaggio), Nasti (circa 100mila euro l’ingaggio), Brescianini (circa 100mila euro l’ingaggio), Tsadjout(circa 100mila euro l’ingaggio), Plizzari (circa 300mila euro l’ingaggio) e Duarte (circa 900mila euro l’ingaggio) è riuscito a risparmiare un totale di 10.440.000 (considerando però il lordo indicato poi nella tabella sottostante).

Se poi si dovesse anche contare il cartellino di Duarte, che l’Istanbul Basaksehir ha pagato 2,2 milioni di euro (oltre al 40% sulla futura rivendita), si arriverebbe a circa 12.640.00 milioni di “tesoretto”.

Non una cifra esorbitante, vero, ma comunque fondamentale per un Milan che, come detto è particolarmente attento ai dettagli e si vede anche dalle formule che la squad dell’MM utilizza quando acquista o vende i calciatori: bonus o percentuali sulla futura rivendita, come è avvenuto anche per Hauge. A tal proposito, a questi calcoli si potrebbe inserire l’ultimo guadagno fatto dalla società rossonera. Grazie alla vittoria dell’Europa League da parte dell’Eintracht, il Milan ha ottenuto altri 3 milioni dalla cessione dell’esterno norvegese. E quindi il conto sale a poco più di 15,5 milioni di euro.

Ecco tutti i risparmi già certi che il Milan ha ottenuto

LE USCITE POSSIBILI

—  

Il capitolo cessioni non è però ancora concluso, perché sono sul tavolo trattative che vedono protagonisti altri volti rossoneri: Ora che Origi è stato recuperato, Lazetic potrebbe lasciare Milanello in prestito per un anno (ma non è da escludere che il serbo alla fine resti in rosa). A lui si può aggiungere Bakayoko (circa 2,5 milioni di euro l’ingaggio), che non è di proprietà del Milan e si trova al suo secondo anno di prestito dal Chelsea. Il centrocampista francese però non ha mai trovato spazio con Pioli e potrebbe essere interrotto prima il suo prestito. Si cerca un accordo con il Nottingham Forrest e poi la sua avventura con i rossoneri si potrà dire conclusa.

Infine si è parlato anche della possibilità di mandare in prestito Gabbia, attualmente il quarto difensore del Milan. Difficilmente avrà un ruolo da protagonista, ma comunque la dirigenza punta su di lui e vorrebbe farlo crescere in stile Pobega. Tutto però dipenderà dal mercato in entrata. E sempre dal mercato dipenderà il futuro anche di Ballo Touré (circa 1 milione di ingaggi). Il terzino sinistro francese è stato acquistato la scorsa estate per 4 milioni dal Monaco come riserva di Theo Hernandez. Se dovessero arrivare offerte congrue Maldini e Massara potrebbero pensare ad un’eventuale sua cessione, anche se al momento appare molto più probabile una sua permanenza. In questo caso non teniamo conto della cifra del cartellino, ma solo del suo ingaggio, come anche dell’ingaggio di Gabbia (800mila euro circa). I rossoneri così risparmierebbero da tutti loro invece una cifra vicina agli 8 milioni (sempre considerando il lordo).

OCCHIO A PAQUETA’

—  

Ultimo, ma non meno impossibile, incasso extra sul fronte giocatori riguarda Paquetà. Anche se dal 2020 non è più un calciatore del Milan, la dirigenza ha inserito nella cessione fatta al Lione una percentuale sulla futura rivendita. Paquetà in questi anni in Ligue 1 è diventato un giocatore di primo rilievo e su di lui ci sono gli occhi puntati di molti club europei. Il Lione lo valuta tra i 60 e gli 80 milioni e in caso di cessione il Milan otterrebbe una somma vicino ai 9/15 milioni di euro. Altri soldi che andrebbero sommati ai precedenti. Il tesoretto del Milan aumenterebbe di altri 23 milioni.

Con Paquetà il gruzzolo totale arriva a sfiorare i 40 milioni, senza di lui i 25: una somma considerevole, che il club deciderà poi come utilizzare nelle ultime mosse della campagna estiva di rafforzamento.

17 agosto 2022 (modifica il 18 agosto 2022 | 10:17)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.gazzetta.it/Calcio/Calciomercato/Milan/17-08-2022/calciomercato-milan-obiettivo-risparmio-le-cessioni-rinnovi-acquisti-sono-possibili-leao-deketelaere-4401537712453.shtml”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.